se non riescia vedere la newsletter, clicca qui

 
Eos Cup 2009
 

NEWSLETTER - Dicembre 2009

 

Tanti auguri da Eos!

Un sincero augurio di buon Natale e di un rivoluzionario anno nuovo...
Buon Natale perchè ogni anno è come rinascere e un rivoluzionario anno nuovo perchè la rinascita sia portatrice di originalità e creatività...
E' l'augurio che ci sentiamo di condividere con voi che avete seguito le nostre attività ed i nostri progressi, che avete visto i progetti e le idee diventare realtà...

E ci auguriamo vivamente che ciò che è stato iniziato possa costituire le basi per quanto riusciremo a realizzare nel prossimo anno, denso di novità e cambiamenti... Ci auguriamo di mantener sempre vivo il vostro interesse e di raggiungere nuove anime, che vogliano condividere con noi questa avventurosa esperienza, che trae forza e vigore dall'entusiasmo di chi vi partecipa...


Ultime news:


Nasce Eos Austria

Il trimarano "Emozioni" sbarca nei laghi dell'Austria! L'idea di rendere la vela uno sport per tutti, alla maniera di Eos, è piaciuta a Martin Seyer ed al suo socio Florian Lugner, che hanno deciso di adottare il nostro progetto di vela accessibile ed importarlo in Austria, nelle acque dei laghi della Carinzia.

Martin e Florian sono stati nostri ospiti in diverse occasioni nello scorso anno ed hanno potuto vivere assieme a noi l'attività della navigazione a vela con la nuovissima flotta dei trimarani accessibili "Emozioni". E' così che hanno deciso di adottare barche e metodi per la loro Eos Austria, che nascerà operativamente con la prossima stagione estiva. A conferma della continuità auspicata dai soci fondatori, è stato chiesto di manterere lo stesso nome "Eos"per la neonata associazione, il che non può che far piacere e dare conferma della serietà e dello spirito con i quali Eos opera nella vela e nella disabilità da dieci anni e con la sola forza dei nostri volontari.

Grazie a questa prima collaborazione con un'associazione che ha sede in terriorio internazionale, dall'anno prossimo Eos potrà condurre progetti oltre confine, primo tra tutti la partecipazione di Eos Austria alla prossima edizione della Eos Cup, con una possibile prova in territorio austriaco. L'associazione austriaca ha infatti chiesto di dotarsi di due trimarani "Emozioni" per dar via ai programmi del 2010.

Buon vento a Eos Austria!


Eos cambia acqua...

Dall'anno prossimo le attività di Eos salperanno dal circolo di Acquafresca, situato in un meraviglioso angolo del Lago di Garda, tra Assenza e Porto di Brenzone.

Sei posti barca ospiteranno la flotta dei trimarani ed il largo scivolo ed il pontile galleggiante faciliteranno le attività e l'autonomia dei nostri prodi velisti. Grazie alla nuova sistemazione, le barche di Eos avranno a disposizione ancora più vento, in una parte di Lago dal fascino mozzafiato, davanti all'isola del Trimmelone e alle scoscese pendici della sponda bresciana. E tutto questo in totale sicurezza, grazie al riparo naturale della baia, che protegge da vento e onde la zona di imbarco - sbarco. Un teatro ideale per deliziose veleggiate...


Eos con Lions per il progetto Kairòs

Eos ha presenziato, su invito del gruppo Lions di Verona, ad una serata di presentazione alle scuole del progetto Kairòs, un'idea nata dalla collaborazione tra gli stessi Lions con xxxxxxx, che propone un originale modello di integrazione "al contrario", rivolto ai ragazzi normodotati affinchè possano sperimentare e comprendere il mondo delle diversità. Le attività, svolte duranta la normale programmazione scolastica, hanno lo scopo di far provare diverse esperienze di disabilità, attraverso le quali i ragazzi imparano a leggere il braille, a riconoscere gli oggetti al tatto, a muoversi in situazioni di difficoltà, insomma ad operare e a relazionare nonostante le limitazioni imposte.

L'intervento di Eos ha voluto sottolineare quanto appreso durante le attività svolte con i trimarani, appositamente progettati per favorire la collaborazione alla pari di disabile e normodotato. "Emozioni" può infatti ospitare un timoniere con limitate capacità motorie, che è nelle condizioni di condurre l'imbarcazione in totale autonomia, oltre che ad un prodiere normodato che può aiutare nelle manovre e nella gestione della barca. Questo fa si che, qualora il timoniere voglia portare con se un amico normalmente abile, la situazione che si viene a creare non comporta dipendenze di sorta, in quanto chi conduce la barca non ha una vincolante necessità di essere aiutato. Il volontario, inoltre, può collaborare alla buona navigazione utilizzando tutte le sue doti di agilità e non deve rinunciare ad esse per "mettersi alla pari" del disabile come avviene, per esempio in molti altri sport. In questo modo avviene quella integrazione "al contrario" auspicata anche dai promotori del progetto Kairòs, il volontario normodotato impara a fidarsi di un timoniere disabile e in quest'ultimo accresce l'autostima e la fiducia nelle proprie capacità anche quando impegnato in una collaborazione di livello sportivo con normalmente abili.


Alla prossima newsletter,

Associazione Eos, Michele Dusi, Onlus.

 
Eos - Michele Dusi - Onlus - info@eosvela.it

se la newsletter non dovesse essere gradita, vi prego di scusarci ed invare una mail a info@eosvela.it chiedendo la rimozione dalla mailing list.
 

torna alle news